RECENSIONE: La Battaglia dei Ghiacciai (Marco Cimmino)

Durante la prima guerra mondiale, le truppe da montagna italiane e austro ungariche si affrontarono in un ambiente estremo, quello del comprensorio glaciale dei grandi massicci delle Alpi Centrali.

Fu una guerra che vide contrapposti reparti di piccole dimensioni, in condizioni climatiche e ambientali che ancora oggi appaiono incredibili, ovverosia lande subartiche ad un’altezza spesso superiore ai 3000 metri.

L’autore racconta con partecipazione le battaglie che videro protagonisti uomini che spesso, nella vita “borghese”, erano imparentati ed amici, per poi trovarsi sui lati opposti del fronte: una storia dove le imprese di guerra sono imprese alpinistiche, in cui si scavavano gallerie lunghe chilometri nel cuore dei ghiacciai, dove si “alloggiava” per mesi in rifugi scavati nella neve e nel ghiaccio, dove la natura mieteva più vittime del fuoco nemico, dove pezzi di artiglieria pesanti quintali venivano trascinati a quote impensabili.

Un libro per chi ama la montagna e le sue genti, da leggersi possibilmente con una mappa CAI delle zone dove si svolse questa epopea.

Disponibile presso la biblioteca del Centro Eirene.